Consegna
Sviluppare i vari punti della mappa attraverso:
brevi testi, links a pagine di approfondimento, immagini o video. I contributi devono essere significativi!!!
Tempi: il 31 marzo la pagina verrà bloccata e non sarà più possibile effettuare nuovi inserimenti e si valuterà quanto realizzato.
Ogni nuovo inserimento deve avere il titolo e il nome dell'autore

Mappa sul futurismo

FUTURISMO.jpg


Il mito dell'automobile a cura di Daminato Gianpaolo e Baruchello Alberto

Nell’ultimo decennio dell’Ottocento e tutto il Novecento sono caratterizzati dal mito dell’automobile. Sebbene il modernismo e il external image alfa-15-hp-corsa-del-1911.jpg Futurismo, come gran parte delle avanguardie culturali, ebbero un influenza limitata sulla società, essi lasciarono il segno e organizzarono il tessuto in cui si mosse l’immagine del nuovo veicolo riportata dalla stampa e dalla propaganda.
Al di là delle singole macchine che eccitano i futuristi (le motociclette, le automobili e gli aerei), la Macchina rappresenta di per sè l'oggetto simbolico fondamentale del futurismo, la cifra della modernità. arrivano a sentire la macchina come un essere vivente, anzi addirittura senziente, dotato di personalità, e viceversa vedono gli esseri viventi come ingranaggi e meccanismi animati. La macchina non è vista sotto l'aspetto utilitaristico ed economico ma piuttosto come creatura dell'immaginazione inventiva, a sua volta creatrice di nuove percezioni e di nuove immagini; non è contrapposta alla vita ma potenzia enormemente la vitalità dell'uomo. Marinetti preconizza esplicitamente l'avvento di un'umanità meccanica, e la sostituzione dell'amore per la Donna con l'amore per la Macchina.Il bello della macchina è che si risolve tutta nella propria funzione, è fatta per l'azione, e solo per quello, senza inutili residui, sbavature e pesi morti sentimentali.


La pittura futurista, a cura di Camilla Berti

Il Futurismo, anch'esso nato a Milano, distoglie con disprezzo l'attenzione dalla raffinata borghesia per concentrarsi sulla rivoluzione industriale e sulle fabbriche. Dal punto di vista stilistico il Futurismo si basa sui concetti del divisionismo che però riesce ad adattarlo per esprimere al meglio gli amati concetti di velocità e di simultaneità.Lo scopo della ricerca futurista è di rappresentare sulla tela non un istante di movimento ma il movimento stesso, nel suo svolgersi nello spazio e nel suo impatto emozionale.
Come conseguenza dell'estetica della velocità, nelle opere futuriste a prevalere è l'elemento dinamico, il movimento coinvolge infatti l'oggetto e lo spazio in cui esso si muove. Il dinamismo dei treni, degli aeroplani, delle masse multicolori e polifoniche e delle azioni quotidiane è sottolineato da colori e pennellate che mettano in evidenza le spinte propulsive delle forme. La costruzione può essere composta da linee spezzate, spigolose e veloci, ma anche da pennellate lineari, intense e fluide se il moto è più armonioso.

La fotografia futurista, a cura di Giacomo Brotto

Il futurismo si prone di reinterpretare la “sensazione” del movimento e la percezione dell’energia. La fotografia futurista trasforma una percezione oggettiva in una percezione soggettiva trami te inquadratura e percezioni che la foto deve trasmettere (velocità e dinamismo). La fotografia deve rappresentare una realtà dinamica. Questo prende il nome di fotodinamismo. Come recita un volumetto di da un volumetto Bragaglia intitolato “Fotodinamismo futurista” :“la vita colta nel suo apparire rapido e fugace”. Si diffuse anche il fotocollaggio cioè ritoccare una foto incollando sopra altri elementi o dipingendoci sopra. Filippo Masoero, che con le sue aerofotografie (fotografie scattate dall’alto di solito da un aereo )spostò il dinamismo dall’oggetto rappresentato all’atto percettivo: l’obiettivo aperto durante la caduta libera registrava anche l’atto stesso compiuto dall’artista oltre che il paesaggio. Così dice un esperto del futurismo “Vera e propria forma di “action painting” fotografica, la fotografia aerea godeva di una forte connotazione soggettiva e di una notevole portata sperimentale. Il movimento, l’energia in atto, l’intensità vitale delle cose potevano essere riprodotti attraverso un’immagine immanente del divenire, creata e sentita in prima persona dall’artista futurista.”

Il mito della guerra a cura di Gianluca.Bordignon e di erreraluca

La guerra, per i futuristi, è un tema cruciale, viene persino definita "unica igene del mondo". Questo tema è molto importante sotto due aspetti: uno ideologico, mentre l'altro è contingente. Che vuol dire: 1°- consideriamo la guerra il conflitto naturale tanto la vita individuale e politica e quanto dell'arte. E' l'aspetto ideologicamente più significativo: la guerra, dunque, è un momento emblematico di una situazione di dinamismo sociale innovativo. Come è già stato annunciato nel manifesto di fondazione del1910. Dove, nel 7° punto viene detto: "Non v'è più bellezza, se non nella lotta. Nessuna opera che non abbia un carattere aggressivo può essere un capolavoro"; e al 9°. "Noi vogliamo glorificare la guerra-sola igene del mondo- il militarismo...", e poi, quattro anni dopo, viene detto molto più esplicitamente: "La Guerra è una legge della vita. Vita=aggressione. Pace universale=decrepitezza e agonia delle razze. Soltanto la guerra sa svecchiare, accelerare, aguzzare l'intelligentezza umana, alleggerire ed aerare i nervi...", diceva marinetti nel Marinetti nel manifesto In quest'anno futurista che era indirizzato a tutti gli "studenti d'Italia"e datato nel settembre del 1914, il 29° giorno.
Allo scoppio della guerra, i futuristi vedono in essa la grande occasione da tempo auspicata per rigenerare la società. Marinetti evidenzia la continuità tra impegno artistico e impegno interventista, sostenendo: "La guerra attuale è il più bel poema futurista apparso finora: il futurismo segnò appunto l'irrompere della guerra nell'arte". Egli vede nella guerra un antidoto al processo di corrosione e di disgregazione sociale, un modo per guarire una nazione dalle cancrene e da dispersioni materialistiche, una colorita e grandiosa polifonia spettacolare in cui è sempre spettatore e comparsa, attore e regista. Inoltre essa rappresenta un grandioso ritorno alla natura, un ripristino e una legittimazione degli istinti più profondi dell’uomo, ad opera e nell’interesse di quella stessa società che aveva cercato di reprimerli, in vista della purificazione che “il caldo bagno di sangue nero” arrecherà agendo come un benefico farmaco per la società e per gli individui, potando, sconvolgendo e dissolvendo tutto il tessuto costituito e regolare delle relazioni sociali. Nel settembre del 1914 i futuristi organizzano a Milano alcune manifestazioni interventiste. La guerra è per loro una grande esperienza di vita e fonte di d'ispirazione. Si moltiplicano i "paroliberi" che dal fronte descrivono momenti e stati d'animo legati alla vita militare. La guerra viene dipinta oppure rappresentata sulle scene.
Andate alla seguente pagina per approfondimenti sulla guerra

Letteratura futurista a cura di stellama97 e grudictamara


la letteratura external image marinetti_fondo-magazine.jpg futurista non e scritta da sinistra a destra ma sono parole o meglio dire un fracasso di rumori.
I futuristi volevano modernizare cambiare il mondo in cui vivevano, uttilizare meno le mani ma più
machinari, e quindì la loro letteratura erano molti rumori o suoni infatti questo è stato un segno di sviluppo o modarnizazione mondiale





La scultura futurista a cura di whiteheadfrancesca e tosinlucrezia

Il futurista più attivo nel campo della scultura è Umberto Boccioni, la cui ricerca pittorica corre sempre parallela a quella plastica.Nel 1912, lo stesso Boccioni pubblica il Manifesto tecnico della scultura futurista. Punto di arrivo di questa ricerca può essere considerato Forme uniche nella continuità dello spazio, del 1913: l'immagine, applicando le dichiarazioni poetiche di Boccioni stesso, è tutt'uno con lo spazio circostante, dilatandosi, contraendosi, frammentandosi e accogliendolo in sé stessa.Anche in L'Antigrazioso o La madre, immediatamente precedente, sono presenti parametri scultorei simili a Forme uniche nella continuità dello spazio, ma con ancora non risolti alcuni problemi di plasticità derivanti da influssi naturalistici
Forme uniche nella continuita` deloo spazio 1913-Umberto Boccioni
Forme uniche nella continuita` deloo spazio 1913-Umberto Boccioni

Sviluppo di una bottiglia nella spazio-Umberto Boccioni
Sviluppo di una bottiglia nella spazio-Umberto Boccioni

external image Boccioni%20-%20Antigraceful%20%28New%20York%201913%29.jpg
external image Boccioni%20-%20Dinamismo%20di%20un%20cavallo%20in%20corsa%20+%20case%29,%20191415.%20Venezia.jpg
Forme uniche nella comunita` dello spazio-Umberto Boccioni
Sviluppo di una bottiglia nello spazio-Umberto Boccioni
Antigrazioso-Umberto Boccioni
Dinamismo di un cavallo in corsa-Umberto Boccioni

La pittura futurista di Camilla Bendazzoli e Isabella Vaccari...

L'arte della pittura futurista è molto simile a quella cubista, ma a differenza di quest'ultima il futurismo utilizza la scomposizione per
rendere la dimensione temporale, il movimento; i suoi scopi infatti non sono quelli di creare un istante di movimento ma il movimento
stesso. La sua tecnica deriva dagli "ideali" che ha, per esempio la velocità influisce molto sul dinamismo di u quadro.
Due grandi espositori della pittura futurista sono: Umberto Boccioni e Giacomo Balla. Questi ultimi anche se dello stesso movimento
hanno stili molto diversi... Il primo infatti si lascia andare in "impetuosi vortici di pittura" mentre il secondo viene descritto come
fotografico e analitico per le sua tendenza al cubismo.Nelle opere futuriste è quasi sempre costante la ricerca del dinamismo; cioè il soggetto non appare mai fermo, ma in movimento: ad esempio, per loro un cavallo in movimento non ha quattro gambe, ne ha venti. Così la simultaneità della visione diventa il tratto principale dei quadri futuristi; lo spettatore non guarda passivamente l’oggetto statico, ma ne è come avvolto, testimone di un’azione rappresentata durante il suo svolgimento. Per rendere l’idea del moto nelle arti visive, immobili per costituzione, il futurismo si serve, in pittura e in scultura, principalmente delle “linee-forza”; poiché la linea agisce psicologicamente su noi con significato direzionale, essa, collocandosi in varie posizioni, supera la sua essenza di semplice segmento e diventa “forza” centrifuga e centripeta, mentre oggetti, colori e piani si sospingono in una catena di “contrasti simultanei”, determinando la resa del “dinamismo universale”.
Il Futurismo diede il meglio di sé nelle espressioni artistiche legate alla pittura, al mosaico e alla scultura, mentre le opere letterarie e teatrali, ma anche archittetoniche non ebbero la stessa immediata capacità espressiva.

external image Emma_marpillero.jpg poesia di Emma Marpillero
external image PIC2365O.jpg

Un quadro di Umberto Boccioni
external image balla.jpg
Un quadro di Giacomo Balla
.